Per una rete di Centri per
l'Etica Ambientale

______________________________________________

Alcune realtà italiane impegnate nell'etica ambientale si mettono in rete. Con una «Carta di intenti», lanciano una collaborazione per richiamare la centralità,in questo nostro tempo,dei temi legati all'ambiente e alla sostenibilità ed essere interlocutrice credibile per le istituzioni, capace di interagire con il mondo dell'economia, della politica, della cultura e dell'educazione.

Membri fondatori della rete sono Aggiornamenti Sociali, Rivista della Fondazione Culturale San Fedele, i Centri di Etica Ambientale di Bergamo e di Parma, la Fondazione Lanza di Padova, il Monastero di Siloe in Toscana e il Centro Studi sulle culture della pace e della sostenibilità dell'Università di Modena.

Nel corso del 2016 si sono aggiunti AICARE (Agenzia Italiana per a Campagna e l'Agricoltura Responsabile e Etica), FOCSIV (Federazione degli Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontariato), il Dipartimento di ingegneria civile, architettura, territorio, ambiente dell'Università di Brescia, la Fondazione Centro Studi Filosofici di Gallarate e il Centro di Etica Ambientale di omo e Sondrio.

Tutti i soggetti aderiscono alla Carta di intenti che delinea i principi che muovono queste diverse strutture nella promozione di un umanesimo ecologico, capace di intrecciare la custodia dell'ambiente con quella delle relazioni interumane nonché l'attenzione alle prossime generazioni. È con i nostri comportamenti che possiamo o meno attuare un modello di sviluppo sostenibile. Cura e responsabilità, rispetto e tutela della diversità, precauzione, sobrietà, solidarietà e accoglienza: le questioni ambientali oggi sono necessariamente anche questioni etiche.

La rete, che si vuole del tutto aperta a nuovi contributi, promuoverà un seminario annuale e condividerà iniziative e strumenti di formazione e comunicazione, perchè sempre più è in gioco il futuro delle persone e delle comunità umane. Un primo articolo che presenta i soggetti coinvolti e segnala il percorso che ha portato alla costituzione della rete è stato pubblicato nel numero di maggio 2014 di "Aggiornamenti Sociali" (Matteo Mascia e Chiara Tintori, Una rete di centri per l'etica ambientale).

 

______________________________________________
«Il Creato non è una proprietà di cui possiamo spadroneggiare a nostro piacimento, tanto meno una proprietà solo di pochi. Ma è un dono che Dio ci ha dato affinché ne abbiamo cura e lo utilizziamo a beneficio di tutti, sempre con grande rispetto e gratitudine»
(Papa Francesco, Udienza generale, 21 maggio 2014)